Democrazia & LibertÓ

Democrazia & LibertÓ

La Democrazia e il
 
"Nuovo Ordine Mondiale"
Il concetto di Democrazia ( potere al popolo ) è il  valore assoluto cui l'apparato Plutocratico fa costante riferimento; esso è estremamente  necessario per la realizzazione della loro  pianificata conquista   del nostro mondo.
Infatti, il raggiungimento di questa ambita meta,  sta avvenendo attraverso il fenomeno della globalizzazione e proprio  in nome della democrazia e della libertà dei popoli e questo perchè  la loro azione funesta si può ben sviluppare manipolando e sovvertendo  le stesse regole democratiche, o pseudo tali, comunemente accettate.
In fondo, gli è bastato porci tutti sotto un "Governo Monetario e di Mercato ", da loro controllato, per tenerci sotto scacco e completamente in balia delle loro bramosie.

Leggi di più
"John F Kennedy - 27 Aprile 1961"
Poiché siamo osteggiati in tutto il mondo da una cospirazione monolitica e spietata che si avvale principalmente di mezzi occulti per espandere la propria sfera di influenza attraverso l’infiltrazione piuttosto che l’invasione, la sovversione piuttosto che le elezioni, l’intimidazione piuttosto che la libera scelta, la guerriglia notturna piuttosto degli eserciti diurni. È un sistema che ha investito molte risorse umane e molti materiali nella costituzione di una macchina efficientissima e perfettamente oliata che combina operazioni militari, diplomatiche, d’intelligence, economiche, scientifiche e politiche. I suoi preparativi non vengono resi pubblici, ma occultati. Ai suoi errori non vengono dedicati i titoli di testa, ma vengono nascosti. I dissidenti non sono elogiati, ma messi a tacere. Nessuna spesa viene messa in questione, nessuna indiscrezione pubblicata, nessun segreto svelato. In poche parole, la Guerra Fredda viene portata avanti con una disciplina di guerra che nessuna democrazia si augurerebbe o desidererebbe mai di eguagliare. “
                                                                                             ----------------------------------------------

Il Presidente degli Stati Uniti d'America è, da sempre, considerato l'uomo più potente del Mondo e, pertanto, le parole di Kennedy, in quel lontano 1961, sono una vera e propria denuncia nei confronti di un sodalizio che, unito e compatto e con un atteggiamento risoluto  e estremamente determinato, riusciva ad ostacolare e contrastare le stesse decisioni politiche del Governo Americano.
Una Unione  di più persone che, segretamente,  s'accordavano  per conseguire uno scopo comune e  di natura sovversiva.  Kennedy evidenziava che questa operatività era sistematica e veniva portata avanti in tutto il mondo, e, pertanto, gli era chiaro che faceva parte di un progetto "Globale"  che andava contro gli Stati Nazionali e, più in generale, contro tutti quei poteri che in quel periodo erano stati  consolidati dalle diverse Nazioni.
Dal concetto espresso da Kennedy si evidenzia anche il fatto che  egli non era assolutamente  disponibile a tollerare un "Potere occulto" che, come un vero cancro sociale,  attraverso l'infiltrazione di pedine ad esso fedele, voleva continuare ad espandersi.
John Fitzgerald Kennedy, trentacinquesimo presidente degli Stati Uniti d'America, venne  ASSASSINATO alle ore 12,30 di venerdì 22 novembre 1963 a Dallas, Texas
L'America è riconosciuta, dagli occidentali, come il Paese depositario del "Mito della Democrazia"; eppure, a ben vedere, se si considera il principio in base al quale essa si origina e, cioè, il fatto che, per farsi eleggere, ogni senatore ha bisogno di montagne di dollari e, pertanto, ha necessità di essere finanziato e, dal momento che,  coloro che sostengono economicamente un candidato sono, quasi sempre, ricchi miliardari, nei termini oggettivi la "Democrazia americana" in che modo può essere considerata? E, il candidato, rimane in "Obbligo" nei confronti di quell'apparato "Plutocratico" che lo sponsorizza?
Di seguito alcune considerazioni di esponenti politici di primissimo piano:
the-council-on-foreign-relations-cfr-aka-the-secret-government-7-638          


 La  verità della questione, come io e te sappiamo, è che un elemento  finanziario dei grandi centri ha posseduto il governo fin dai tempi di Andrew Jackson
Franklin D.Roosevelt 
32° Presidente degli Stati Uniti d'America

 


the-council-on-foreign-relations-cfr-aka-the-secret-government-6-638              
la vera minaccia della nostra repubblica è il governo invisibile che, come un polipo gigante, estende la sua viscida lunghezza sulla nostra città, stato e nazione. alla testa c'è un piccolo gruppo di case bancarie generalmente indicate come banchieri internazionali, questa piccola associazione di potenti banchieri internazionali gestisce virtualmente il nostro governo per i loro fini egoistici
John F.Hylan

                  

the-council-on-foreign-relations-cfr-aka-the-secret-government-5-638_(1)             
 


le vere regole a Washington sono invisibili ed esercitano il potere da dietro le quinte

Felix Frankfurter


the-council-on-foreign-relations-cfr-aka-the-secret-government-4-638  

 
    il mondo è governato da personaggi molto diversi da ciò che è immaginato da coloro che non sono dietro le quinte
Benjamin Disraeli
Primo ministro del Regno Unito
La Democrazia Italiana
La Democrazia Italiana si compie attraverso una forma di governo nella quale i cittadini, aventi diritto di voto, eleggono direttamente dei ......
Leggi di più
Stato Sovrano
Che cos'è uno Stato Sovrano e l'Italia, dopo aver firmato il Trattato di Maastricht, può ancora definirsi in questo modo?
Leggi di più
Annessione all'Europa
Il Trattato sull'Unione Europea, ha stabilito delle nuove regole che prevedono  una unione  Economica e Monetaria  tra i diversi Stati.......
Leggi di più